Condannato per aver negato l'assegno di maternità, la replica del comune di Brignano

sentenza
Redazione

Nei giorni scorsi la sentenza del tribunale di Bergamo per condotta discriminatoria, il sindaco Bolandrini: "Avevamo cessato il comportamento ma il giudice non è stato informato"

Condannato per aver negato l'assegno di maternità, la replica del comune di Brignano

Assegni per la maternità negati a residenti straniere. Dopo la condanna avvenuta nei giorni scorsi il Comune di Brignano dice la sua per voce del sindaco Beatrice Bolandrini. Di seguito il suo comunicato sulla vicenda:

Apprendiamo da notizie di stampa che il Comune di Brignano Gera D’Adda è stato condannato per condotta discriminatoria in relazione al diniego di concessione dell’assegno di maternità motivato dalla circostanza che la richiedente fosse titolare di un permesso di soggiorno per motivi familiari. Il provvedimento del Comune, in data 3 novembre 2016 era stato assunto in conformità alle direttive e circolari dell’INPS svolgendo il Comune la sola istruttoria per conto dell’ente erogatore. Il ricorso è pervenuto al Comune il 19 luglio 2017 e protocollato al n° 6272. Lo stesso giorno con nota prot. n° 6324 il Segretario Comunale ha scritto allo studio legale, all’interessata, all’Istituto nazionale della Previdenza sociale e all’Ufficio servizi sociali del Comune di Brignano Gera d’Adda informandoli di agire “per la rimozione degli effetti del provvedimento disponendo, (si legge nella stessa nota ), l’immediata trasmissione all’INPS della domanda presentata in data 28 ottobre 2016 prot. n° 8890 invitando l’INPS a dare seguito al pagamento alla richiedente della somma di € 1691,05. Con la stessa nota si chiedeva: “A fronte della rimozione degli effetti del provvedimento comunale, che ha dato corso al ricorso, di rappresentare i contenuti del presente provvedimento nel corso della prima udienza prevista per il 5 ottobre 2017 chiedendo l’estromissione di questo Comune dal giudizio. “ La domanda della richiedente è stata trasmessa all’INPS in data 04/08/2017. Attendiamo di leggere la motivazione della sentenza che si ritiene ingiusta nei confronti del Comune di Brignano Gera d’Adda che ha, prima dell’ordine del giudice, cessato ogni comportamento passibile di essere giudicato discriminatorio, informando in tal senso la parte ed il suo legale che, evidentemente, non ha inteso rappresentare al giudice i provvedimenti di questo Comune, chiedendo l’estromissione del Comune dal giudizio. Valuteremo di appellare la sentenza al fine di far emergere tali circostanze che si ritiene controparte avrebbe dovuto rappresentare al Giudice. Non si esclude di chiedere al Consiglio dell’ordine degli avvocati di valutare la correttezza deontologica dei legali di controparte. Il Sindaco Beatrice Bolandrini

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.