Furbette del cartellino, uscivano quando volevano utilizzando un badge master

Cronaca
Redazione

Due donne imputate per Truffa ai danni dello Stato, alterazione del sistema informatico e falso.

Furbette del cartellino, uscivano quando volevano utilizzando un badge master

Si è svolta ieri nel Tribunale di Bergamo un'altra udienza del processo per le furbette del cartellino al Comune di Villongo: imputate per Truffa ai danni dello Stato, alterazione del sistema informatico e falso, la bergamasca Marianna Maria Soggetti e la bresciana Donatella Chiari, accusate di aver alterato tramite un badge master il dispositivo per la timbratura del cartellino, modificando l’orario di ingresso e di uscita dal lavoro, tra il 2012 ed il 2015. Parte civile il Comune di Villongo: nel corso dell'udienza è stata ascoltata anche una collega delle due donne.

L’inchiesta delle forze dell’ordine era partita a gennaio del 2016 dopo il sospetto che le due impiegate avessero taroccato gli orari di lavoro a computer per risultare presenti, quindi con lo stipendio, anche se in realtà non erano al posto di lavoro. In quel periodo erano l’una responsabile dell’ufficio Ragioneria e l’altra addetta dell’ufficio Tributi. E in seguito vennero trasferite alla segreteria e in biblioteca. Donatella Chiari lo scorso aprile era stata condannata in primo grado ad 1 anno e mezzo di reclusione (con pena sospesa) per truffa connessa ai falsi certificati medici e falso materiale. Il processo è aggiornato al 30 ottobre, data in cui verranno sentite anche le due imputate.

 

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.