La rabbia del sindacato: "denunciavamo situazioni di criticità"

Incendio ospedale
Redazione

Per la Funzione pubblica Cgil insufficiente la dotazione di personale fornita per la psichiatria

La rabbia del sindacato: "denunciavamo situazioni di criticità"

Dopo l'incendio nella psichiatria dell'ospedale Papa Giovanni XXIII in cui è morta una ragazza e sei pazienti sono rimasti intossicati insorge il sindacato che da tempo segnalava la mancanza di personale. Ecco il comunicato di Roberto Rossi, segretario generale della Funzione pubblica della Cgil di Bergamo:

“I gravissimi fatti accaduti oggi – scrive - rivelano nella loro drammaticità, una situazione non più sostenibile. La Fp Cgil di Bergamo esprime solidarietà e vicinanza alla famiglia della vittima dell’incendio e alle lavoratrici e ai lavoratori coinvolti nelle vicende di cronaca ed in particolare per coloro i quali essendosi prodigati per contenere i disagi agli utenti, hanno riportato lesioni ricorrendo alle cure del pronto soccorso. In attesa di conoscere i fatti nel loro dettaglio non possiamo non ribadire le già denunciate situazioni di criticità riscontrabili nell'area della malattia mentale, in particolare in tema di accreditamenti regionali circa la dotazione organica standard di personale e della gestione di queste tipologie di pazienti la cui gestione troppo spesso intasa i reparti ospedalieri (spdc) per la carenza di strutture territoriali. Il punto di rottura è stato raggiunto. Diventa cogente invertire la rotta".

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.