Operazione "Black Money": oltre 100 carabinieri in azione

Carabinieri
Redazione

12 arresti tra Bergamo, Brescia e Verona: 6 società cooperative che frodando il fisco si arricchivano a danno delle imprese oneste

Operazione "Black Money": oltre 100 carabinieri in azione

Nella mattinata di oggi, i carabinieri del Comando provinciale di Verona hanno eseguito 12 arresti tra il Veneto e la Lombardia, con 2 persone finite in carcere e 10 agli arresti domiciliari per riciclaggio e autoriclaggio di denaro. L'indagine, denominata "Black Money", ha impegnato oltre 100 militari dell'Arma tra le province di Verona, Brescia e Bergamo, dove risiedono le persone arrestate. Tutto è partito da continui prelievi sospetti negli ufficiali postali della cittadina di Cerea (Verona): dopo alcuni mesi di indagini, i carabinieri di Legnago hanno accertato un meccanismo fraudolento di false fatturazioni da parte di sei società cooperative con oltre 300 dipendenti operanti nei settori dell'ecologia, della macelleria, del facchinaggio e dell'edilizia.

Il fitto meccanismo di società "cartiere", in atto per evadere il fisco e battere slealmente la concorrenza, aveva permesso agli indagati di ottenere una posizione dominante sul mercato, grazie agli indebiti guadagni: il giro d'affari accertato è di 75 milioni di euro. Le società di comodo utilizzavano una fitta rete di persone (l'indagine ha rilevato responsabilità penali su 81 persone in totale), il cui compito era solamente quello di prelevare il denaro e riconsegnarlo, pulito e in contanti, agli amministratori delle cooperative.

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.