Prese a badilate la cagnolina per poi seppellirla ancora viva: chiesto il patteggiamento

Animali
Redazione

Un 84enne di Zanica nel novembre dell'anno scorso aveva colpito con un badile la sua cagnolina, malata di tumore, con l'intenzione di porre fine alle sue pene.

Prese a badilate la cagnolina per poi seppellirla ancora viva: chiesto il patteggiamento

Nel novembre dell'anno scorso un anziano 84enne bergamasco aveva colpito con un badile la sua cagnolina, malata di tumore ed in fin di vita, con l'intenzione di quietare le sofferenze del povero animale. Creduta morta, l'aveva poi sepolta in un campo, con l'aiuto di un amico, anch'egli pensionato, protraendo terribilmente l'agonia della bestiola, trovata alcuni giorni dopo da un passante. Nonostante i soccorsi però Siria, questo il nome della cagnolina, era deceduta: dopo la sua morte l'Ente Nazionale Protezione Animali, che assieme ad altre quattro associazioni animaliste si è costituita parte civile, aveva denunciato l'anziano padrone, finito ora sotto processo. Ieri, di fronte al giudice nel Tribunale di Bergamo l'84enne ha richiesto un patteggiamento sulla pena di 8 mesi. Incensurato, potrebbe perciò benificiare della sospensione: la sentenza verrà emessa il prossimo 19 dicembre.

“Restiamo in attesa della decisione del giudice circa la richiesta di patteggiamento dell’imputato -ha commentato la Protezione animali- auspicando comunque che in caso di accoglimento la pena applicata all’84enne sia congrua con i reati e contestati e la particolare crudeltà della condotta posta in essere”.

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.