Rinviato lo sciopero dei dipendenti del Comune di Fara Gera d’Adda

Scioperi
Redazione

I lavoratori attendono l’erogazione di tre anni di indennità mai pagate malgrado un'ordinanza del Giudice del Lavoro

Rinviato lo sciopero dei dipendenti del Comune di Fara Gera d’Adda

Avrebbe dovuto svolgersi oggi, ma è stato posticipato a lunedì 20 maggio, lo sciopero dei dipendenti del Comune di Fara Gera d’Adda proclamato dalle segreterie della FP-CGIL e CISL-FP di Bergamo insieme alla RSU. Lo stesso giorno si terrà anche un presidio davanti al municipio. I lavoratori ancora attendono l’erogazione di ampia parte del Premio di Produttività del 2016, del 2017 e ormai anche del 2018, somme di cui ancora nulla si sa, malgrado un’ordinanza del Giudice del Tribunale di Bergamo di oltre un anno fa.

Il personale - avevano detto nei giorni scorsi i delegati sindacali delle organizzazioni confederali - è “ormai numericamente decimato da pensionamenti non sostituiti e da trasferimenti, ed è pertanto sovraccaricato da mansioni che dovrebbero essere svolte da un organico molto più congruo”.

Lo spostamento della protesta è motivato da una sovrapposizione dello sciopero con un’altra mobilitazione organizzata da altro sindacato.

“Questa vertenza ha avuto inizio nel 2017” sono tornati a spiegare Dino Pusceddu della FP-CGIL provinciale, Alessandra Giampapa per la CISL FP di Bergamo insieme ai componenti della RSU del Comune di Fara Gera d’Adda. “Quell’anno ci siamo rivolti al Giudice del Tribunale di Bergamo il quale, con un’ordinanza del 27 dicembre 2017, ha intimato all’ente di pagare interamente e immediatamente le somme del Fondo della Produttività. Eppure, solo un terzo di quanto pattuito per quell’anno è stato versato. Poi più nulla per gli anni successivi. Proprio per non aver rispettato la decisione del giudice abbiamo denunciato alla Procura della Repubblica il sindaco Armando Pecis”.

Già nel marzo 2018, per il mancato versamento di ampia parte del Premio, si erano tenuti un presidio e un incontro in Prefettura. “Ora a far aumentare il disappunto tra i dipendenti è la notizia che è stato pagato il Premio esclusivamente ai responsabili dei servizi e non a tutti gli altri: una scelta che riteniamo discriminatoria” proseguono i sindacalisti. “In vista delle prossime elezioni amministrative, il giorno dello sciopero si terrà anche un presidio al quale formalmente invitiamo il candidato (ce n’è uno solo) alla carica di primo cittadino: gli chiederemo di impegnarsi affinché questa vicenda, che dura già da troppo tempo, trovi finalmente una soluzione”.

Il 22 marzo scorso i lavoratori, riuniti in assemblea, hanno dato mandato alle organizzazioni sindacali territoriali e alla RSU di indire lo stato di agitazione del personale. Il 5 aprile in Prefettura a Bergamo si è svolto il tentativo obbligatorio di conciliazione che ha portato a una sospensione temporanea della protesta a seguito dell’impegno dell’Amministrazione Comunale di risolvere la situazione entro il 23 aprile. Il Comune avrebbe dovuto produrre la documentazione richiesta (da oltre un anno) sulla ricostituzione del Fondo di Produttività del personale e sull’approvazione, da parte della Giunta, della Delibera finalizzata all’approvazione del Contratto Decentrato Integrativo del personale per l’anno 2017.

Fino a oggi, ben oltre il termine concordato presso la Prefettura di Bergamo, quell’impegno non risulta sia stato rispettato.

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.