Rotary, serata dedicata alla prevenzione della violenza di genere

Conviviale
Redazione

Riguarda il 35% delle donne nel mondo, ma il dato è ritenuto sottostimato

Rotary, serata dedicata alla prevenzione della violenza di genere

Non sono aggiornatissimi i dati Istat che danno come vittime della violenza di genere il 35% delle donne nel mondo. Non c’è dubbio infatti che siano molte di più quelle che hanno dovuto fare i conti con una tale drammatica esperienza nel corso della loro vita. Perché la violenza assume i più diversi aspetti e non è solo fatta di botte, stupri, omicidi, ma si camuffa anche sotto le vesti subdole della sopraffazione psicologica e del ricatto economico, che privano dell’autonomia e costringono alla dipendenza e in molti casi sono l’arma capace di far desistere le donne che hanno imboccato la via della legittima ribellione ad un insostenibile stato di sopruso, costringendole a ritirare le connesse azioni legali. Chiunque si sia occupato di violenza sulle donne sa bene che il fenomeno ha radici culturali profonde: oggi come ieri, la matrice della violenza contro le donne può essere rintracciata nella disuguaglianza dei rapporti tra uomini e donne e non è, dunque, un caso, che la stessa Dichiarazione adottata dall’Assemblea Generale dell’Onu parli della violenza di genere come di “uno dei meccanismi sociali cruciali per mezzo dei quali le donne sono costrette in una posizione subordinata rispetto agli uomini”. E questo è anche il profilo di massima contenuto nelle parole della Dottoressa Carmen Pugliese, Sostituto Procuratore di Bergamo, voce autorevolissima in proposito, intervenuta nella conversazione promossa dal Rotary. Ma anche voce coraggiosa e critica, capace di andare controcorrente e di dichiarare senza mezzi termini come la vera difesa della donna, della sua dignità, della sua incolumità, della sua integrità fisica e morale passi anche dal coraggio delle vittime di portare alle estreme conseguenze il dovere morale e civile di denunciare i colpevoli, quasi sempre nella più stretta cerchia dei legami affettivi, senza fare marcia indietro. Coraggio che riguarda anche la volontà di smascherare le strumentalizzazioni delle tardive denunce di violenza, oggi così di moda, ambigue fonti di pubblicità soprattutto nel mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento, o le denunce ricatto negoziate nelle cause di divorzio. Molto ben congeniati in termini di tempistica e coerenza con le tematiche anche gli interventi delle Avvocatesse Liana Maria Antonietta Nava e Francesca Mazzoleni Compon dell’AIAF (Associazione a tutela delle famiglie) che hanno tracciato un’esaustiva panoramica dell’azione del sodalizio e del Dirigente del Commissariato di Treviglio, Dr. Angelo Lino Murtas che, per la lotta contro la violenza di genere si impegna quotidianamente ed ha fra l’altro fortemente voluto la “Stanza per le audizioni protette” all’interno dello stesso Commissariato locale, così come proposta da Soroptimist. Un efficace escamotage per permettere l’audizione dei bambini e delle donne vittime di violenza, in cui viene registrato il video e l’audio digitale con apparecchiature sofisticate e non visibili, senza l’ulteriore dramma di dover fare invece la fila nei classici “Uffici Denunce” con lunghi ed interminabili verbali classici scritti su carta, mostrando anche al monitor le foto con le varie fasi dei lavori. Positivamente colpito il numeroso pubblico di un centinaio di persone intervenuto alla serata presso il Ristorante Belvedere di Misano, voluta dalla Presidente del Rotary Treviglio Martina di Rubbo.

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.