Si barrica in casa in preda a un raptus, irruzione dei carabinieri per salvarlo

Cologno
Redazione

Protagonista un 60enne ricoverato poi in psichiatria

Si barrica in casa in preda a un raptus, irruzione dei carabinieri per salvarlo

Sono state ore di tensione quelle consumatesi stamattina in un appartamento di Cologno al Serio (BG). Un uomo di 60 anni, con problemi in passato di tossicodipendenza, ad un tratto, in un vero e proprio raptus di follia, si è barricato in casa, senza voler quindi più interagire con nessuno, nonché minacciando di farsi del male. Né i conoscenti presenti, né i sanitari accorsi subito dopo sul posto, né tanto meno i Carabinieri in prima battuta, sono riusciti in una prima fase a far desistere l’uomo sempre più in pericoloso stato di agitazione psicomotoria. Vani quindi i tentativi iniziali di riportarlo alla ragione, trovandosi appunto il 60enne in uno stato di vero e proprio delirio. Ad un certo punto, però, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Treviglio insieme ai colleghi della Stazione di Urgnano e Verdello, temendo che la situazione in essere potesse ulteriormente degenerare, con l’ausilio dei Vigili del Fuoco, hanno pianificato un’irruzione in casa ed in sicurezza; senza che nessuno si facesse male, sono riusciti ad entrare nell’abitazione e con fatica ad immobilizzare l’uomo, che a questo punto è stato preso in carico dai sanitari e quindi veniva ricoverato nel Reparto Psichiatrico dell’Ospedale Civile di Treviglio (BG), dove tuttora si trova in osservazione. Nei confronti dell’uomo, tra l’altro già noto alle FF.OO., verranno altresì valutati anche eventuali profili penali.

Grazie quindi al deciso e tempestivo intervento operativo dei militari dell’Arma si sono sicuramente evitate conseguenze più gravi.

Sul posto interveniva anche il Sindaco del Comune di Cologno al Serio (BG), Chiara DRAGO.

© Riproduzione riservata
Commenti (0)
Non ci sono commenti per questo articolo. Vuoi essere il primo a lasciare il tuo intervento ?
Aggiungi un commento
Vuoi commerntare questo articolo? Accedi al tuo profilo o registrati gratuitamente a Tribuna TV e potrai farlo in pochi secondi.